EDUCAZIONE CINOFILA MALSANA – UN AMARA RIFLESSIONE DI UN EDUCATORE CINOFILO.

FOTO SCARICATA DA INTERNET

Oggi ho scoperto di non essere l’unica a risentire di quell’aria MALSANA che aleggia attorno al mondo del Cane.

Nel fare il mio solito giro di “indagine di mercato”, ho avuto modo di far visita al mio Veterinario e a due Negozi che si occupano di toelettatura e articoli per animali.

Ho trovato davanti a me tre Titolari SCONFORTATI, per quello che incontrano ogni giorno, da qualche anno a questa parte.

Il Medico Veterinario è quello che mi ha sorpreso più di tutti. Stufo di aver a che fare con padroni che non capiscono che possiedono un Cane e non un surrogato dove trasferire le loro Ansie, Fobie, Frustrazioni. A detta del Medico, dopo anni di carriera credo più di 30, si dice stufo, e a voce esausta mi dice: “una volta non era così… “. Anche lui sembrerebbe essere arrivato al punto di sostenere che quello che viene offerto dal mercato cinofilo è a dir poco ASSURDO, influenzando negativamente le persone, e di riflesso sui Cani.

I Cani non sono più Cani, a parte l’esteriorità, presentando non pochi problemi di gestione. Anche Lui sostiene che i problemi delle povere bestiole sono tutti da rimandare ai loro padroni.

Mi sono rincuorata, credevo d’essere l’unica a pensarla diversamente, ma se inizia anche un veterinario a pensarla così, significa che è un Malessere che tocca più settori.

Ma la “chicca” ho potuto assaporarla, nel negozio di Articoli per Animali, dove la Titolare mi prende da parte e mi dice: “la gente è tutta fuori di testa…!”

Non finisce la frase che a distanza di pochi istanti fa capolino una distinta signora, la quale chiede consiglio su una marca di pannoloni per cani.
La Titolare con molta professionalità le spiega le caratteristiche del prodotto, credendo che il Cane in questione fosse un soggetto degente, o incontinente. NO, il Cane stava benissimo, servivano alla distinta signora, per impedire al Cane di sporcare in casa durante le sue 10 ore di assenza, durante il lavoro. Così se il Cane doveva urinare lo faceva direttamente nel pannolino come i bambini, al posto di farla in giro per casa.

Anche in questa occasione ho potuto vedere un Espressione Incredula, di fronte a tanta ASSURDITA’ UMANA.

Ma verso il volgersi della giornata, l’ultima “perla”, è toccata a me.
Purtroppo, sto costatando ogni giorno, che i giovani per la maggiore sono tutti figli di Maria de Filippi. Pochi s’impegnano per emergere per qualcosa di serio, pochi sanno cosa sia il RISPETTO per le persone o per il lavoro altrui, mi accorgo che pochi sanno il significato della parola EDUCAZIONE. 
Con queste esigue basi mi domando come possono pretendere di CAPIRE ed EDUCARE il proprio Cane, quando loro per primi non sanno come comportarsi perchè sono senza QUELLE BASI ESSENZIALI DELLA BUONA CREANZA.

Purtroppo non è la prima volta che mi imbatto in individui che pensano che il mio lavoro sia un tutto un gioco o un divertimento, come se io non avessi di meglio da fare. Forse in alcuni momenti è anche divertente stare con i cani. Peccato che non sempre è così, soprattutto quando nei periodi freddi o particolarmente umidi, sei in campo a preparare la lezione, e il cliente non arriva, perchè ha deciso senza avvisarti di saltare l’appuntamento. Oggi va di moda così, un pò come vanno di moda i cani.

Come dico spesso il Tempo è una cosa preziosa, non dovrebbe essere sprecato. Ma come dicevo prima è sempre una questione di BUONA EDUCAZIONE.

Molti pensano che IL CANE DEVE FARE SEMPRE QUELLO CHE L’UOMO DISPONE, in REALTA’ è : “l’UOMO PROPONE E DIO DISPONE”, ma l’uomo tende sempre ad essere molto egocentrico, se poi questo si crede pure bello è la fine.
Ancora una volta mi ritrovo a parlare di un malessere che accomuna tutti i Cani, ovvero un Malessere chiamato UOMO.
La vera tragedia è quando si ha la presunzione di pensare che 4 comandi in croce possano di punto in bianco RISOLVERE IL PROBLEMA. Il Cane va COSTRUITO giorno dopo giorno, va letto, va studiato e osservato, e se non avete il tempo per fare questo, lasciate perdere compratevi un pesciolino rosso, farete molti meno danni.

Certo un Bel Cane, può dare un tocco di eleganza, forza, immagine, può fare figo, può farci sentire importanti, affascinanti, ma quando questo Cane inizia a dirci con chiari segnali che non ne può più, bè allora vuol dire che è arrivato al Capolinea e, dopo quello iniziano i VERI PROBLEMI.

Problemi per il Cane perchè nella maggior parte dei casi sarà lui a farne le spese, anche perchè i padroni prima di assumersi le loro responsabilità giocano al gioco dello scarica barile, in seguito inizieranno i problemi per i padroni, perchè dovranno mettere mano al portafoglio per rimediare i danni provocati.

Oggi, ho avuto prova di quanto l’uomo sia prepotente ed ignorante, non che non lo sapessi, ma uno alla fine ci spera sempre che le cose possano andare in modo diverso.
Il mio pensiero va agli studiosi, quelli che se ne stavano e che stanno sotto il sole cocente, oppure immersi nell’acqua, sotto piogge torrenziali, sepolti dalla neve, per osservare e studiare i comportamenti animali. Penso a questi individui che con il loro lavoro di osservazione ci hanno trasmesso importanti basi per comprendere gli animali.
Ora tutto questo sembra esser svanito.

Ora i Cani devono urinare dentro ad un pannolone, devono essere toccati da tutti, non rispettando il loro spazio privato, si confonde la “violazione della intimità di un cane” con la parola “socializzazione”, i cani devono essere vestiti se no, prendono freddo, i cani devono essere sterilizzati se no diventano aggressivi, i cani devono rimanere per ore chiusi in casa magari in un appartamento aspettando il loro padrone, e guai a loro se fanno disastri, i cani DEVONO, DEVONO, DEVONO, DEVONO…..

Oggi, ho perso un cliente, onestamente sono felice di questo traguardo, io non ce la faccio ad essere falsa, e per di più non riesco a lavorare in modo disonesto sulle ansie assurde delle persone, io non riesco a dire quello che si vogliono sentire dire, IO purtroppo sono dalla parte dei Cani.

Felice di averlo perso, perchè tanto ERA TEMPO E FIATO SPRECATO, sicuramente colpa mia, perchè non ho trovato la chiave di lettura giusta, quindi non sono riuscita a fargli arrivare un messaggio importante, ma cosa volete, per lui erano solo importanti le foto da  pubblicare su FB, di quanto il cane sarebbe diventato grosso, di che colore sarebbe diventato il mantello del cane, e di quanto il suo cane potesse fare colpo sul pubblico incontrato in centro in città, senza preoccuparsi delle vere esigenze del cane.
Sarà che sto diventando vecchia, oppure il mio livello di acidità è aumentato, potrei esser paragonata pure a una zitella, anche se al momento ho ancora marito, poi vedremo, insomma che ci posso fare, sorrido  e come i cani mi hanno insegnato ci faccio pipì sopra e passo oltre, non vale la pena arrabbiarsi e prendersela per un qualcosa di arido e senza valore.

Non basta sentirsi dire “bravo” per esser “bravi”davvero. Il rapporto tra cane e padrone deve essere un rapporto a DUE-INTIMO e non con tutto il mondo.
Essere bravi non significa nulla, occorre anche dimostrarlo, le lodi facili le lascio agli sciocchi e a quelli che vogliono vivere sulla superficialità.

Il rapporto tra padrone e cane, se costruito bene, diventa una cosa indissolubile. Penso ai Lupi, un buon capo branco difende il suo nucleo, la sua prole, il suo territorio, le sue risorse. Un buon Alfa porta solo Vantaggi, MAI SVANTAGGI.
Ma per essere dei buoni LEADER occorre anche saperlo DIMOSTRARE.

Sono sinceramente rammaricata, perchè molti di noi, hanno un essere fantastico al loro fianco, ma lo considerano un Optional, se si fermassero di più ad osservarlo, scoprirebbero tantissime cose, e la prima cosa, è che i Cani sono molto più Saggi degli uomini. Ma noi non abbiamo tempo. Mi dispiace un’altra cosa, che molti Educatori o Pseudo Educatori, vivano avvallando le richieste assurde o ansie di queste persone, vendendo loro concetti strampalati, peggiorando giorno dopo giorno la vita dei Cani.

Katia Verza 




Annunci

Informazioni su sulleormedellupo

Mi dedico con passione ai Cani Lupi Cecoslovacchi, alla Educazione Cinofila, e a tutto il mondo del Quattro Zampe... Amo condividere le esperienze di vita con i nostri amici pelosi, con chi nè ha, o con chi ne vorrebbe avere... Il mio motto è: la conoscienza e il sapere non hanno età...
Questa voce è stata pubblicata in RIFLESSIONI....DI UN EDUCATORE CINOFILO. Contrassegna il permalink.