GIU’ LE MANI DAI MIEI PICCOLI…

Cerchiamo di comprendere il punto di vista di una madre…
Una Madre attenta è una buona Madre…
Una Buona Madre significa che la fattrice possiede ancora molto del CANE VERO…
La SELEZIONE del soggetto è importante se vogliamo avere
CANI FORTI… e non CANI VUOTI… 




Quest’anno ho imparato una nuova lezione di vita.
E come il Wolf Men  Shaun Ellis e il Tukmeno Ezio Maria Romano e come tutti quelli che hanno vissuto nel vero senso della parola con i cani, ho imparato a suon di  morsi, che i cuccioli non si toccano.
Non che in passato non abbia mai ricevuto morsi, anzi.. l’ultimo mi è costato 40 gg di gesso  per il frazionamento del primo metacarpo, con pochi Punti Miralanza… (chiamati così in modo ironico, in realtà punti di sutura) e un Gran Dolore…
E io mi ritengo ancora fortunata, perchè i Gentleman nominati sopra ne contano molti di più… Ma questa è la vita di chi lavora a stretto contatto con i cani o con i lupi.
In fondo basta pensare che un cucciolo impara le lezioni di vita, che i genitori gli impartiscono solo attraverso i morsi.
Sul discorso Morsi, si potrebbe aprire un gran dibattito, perchè si potrebbero suddividere in diverse categorie.. inoltre quando c’è un morso c’è aggressività.
Ma l’aggressività come altre volte ho già ribadito, non è un difetto anzi, se diretta nella giusta direzione si possono ottenere ottimi cani da lavoro.
L’Aggressività fa parte della natura di ogni essere vivente sulla terra, anche noi siamo aggressivi se veniamo provocati ripetutamente, quindi non vedo perchè un cane non possa esserlo…. starebbe a noi, comprendere la sua motivazione e guardare dalla sua prospettiva.

Ma non voglio divagare, vorrei parlarvi di Luna la madre dei miei piccoli.
L’aggressività di una madre….
Quest’anno Luna è al suo quarto parto.
Nelle volte precedenti mi ha sempre permesso di toccare con un estrema facilità i suoi piccoli e di aiutarla durante il parto.
Quest’anno si  è dimostrata una VERA MADRE e come una VERA MADRE ha pensato tutto lei, anche a difenderli da me.
Non sto dicendo che i cuccioli io non riesca ad avvicinarli, sto solo dicendo che devo fare molta attenzione, e devo usare una buona dose di furbizia.
Questa mattina, (3° giorno di vita dei piccoli) mi ha rimesso al mio posto, pinzandomi per ben 4 volte, due all’avambraccio Dx, poi mano Dx e in fine interno coscia.
Il bello che a parte il dolore non ho riportato nessun danno, nessun buco, ma solo un leggero graffio… e vi posso garantire che possiedo ancora tutte le 10 dita, in caso contrario non riuscirei a scrivere alla tastiera del computer.
Certo una cosa è chiara come il sole, questo è stato solo un avvertimento, molto probabilmente se io da ora in poi, non prestassi attenzione con lei, il suo prossimo morso, potrebbe rivelarsi più educativo del precedente.
Voi non ci crederete, ma al 4 morso, mi sono messa a ridere, perché nonostante il dolore, avevo compreso, il suo punto di vista e mi sono data della stupida presuntuosa.
Lei semplicemente mi stava dicendo che non voleva essere disturbata ma soprattutto lei non voleva che i suoi cuccioli venissero disturbati o minacciati.

Che pensare ora???
Posso solo pensare che se io fossi nella sua stessa situazione farei la stessa cosa. Qual’è la madre che permette di far toccare il proprio figlio a chiunque.???
Inoltre Luna sente la presenza degli altri Cani all’esterno (Minacce) e quindi tutte le volte che io mi avvicino a loro, lei con giusta ragione potrebbe percepirmi come una minaccia.
…”Immaginate la “furia” di una buona madre di famiglia nei confronti di chi volesse far del male al proprio figlio e pensate come verrebbe giudicata lei se rimanesse inerte, indifferente ed incapace a difenderlo. Sinceramente penserete che è una madre snaturata… “(Tratto dal libro Guardiani si Nasce di Ezio Maria Romano)

Sicuramente molti di voi, non saranno d’accordo con quanto scritto fino ad ora, perché la cinofilia moderna, vuole a tutti i costi un cane che se ne lasci fare di ogni colore, ma se usassimo un pò di Buon Senso, capiremmo da soli che non funziona proprio così e che la nostra parola per loro non è sempre legge.
Il Cane Lupo Cecoslovacco ( razza giovane) come del resto per quelle razze autoctone non troppo pasticciate dall’uomo, conservano ancora quegli aspetti naturali del Lupo dove il compito di una buona madre è quello di difendere i suoi piccoli.

Io in questo momento sto rimettendo in discussione tutto quanto scritto fino ad ieri. Non posso negare che rileggendo alcuni tratti, riscontro delle incongruenze, quel non so che di presunzione umana e senso materno fuori luogo.
Far nascere nel nostro cane il rispetto per noi,  non è una cosa tanto difficile.
E’ lo stesso discorso, che vale per il cucciolo al guinzaglio, dell’estraneo che vuole toccare a tutti i costi il nostro cane e per tutti quei discorsi, dove vedono il nostro cane amico di tutti…
Basterebbe avere un attimo di pazienza, attendere i tempi giusti, ma soprattutto rispettare quei ringhi avvisatori…. perchè se il nostro cane è un buon cane, equilibrato ci dirà sempre il suo punto di vista.
Certo i piccoli devono essere osservati e toccati, occorre solo essere furbi.. e non troppo invadenti.
La socializzazione interspecifica non verrebbe messa in discussione tanto meno la fiducia che la nostra fattrice nutre nei nostri confronti, anzi io credo che si rafforzerebbe se ci fossero questi presupposti.

Cosa abbiamo imparato io e Luna.
Io ho imparato a rispettarla e a capire qual’è il mio posto e lei ha imparato con il tempo e l’esperienza ad essere una femmina completa, buona fattrice, buona lattifera con senso materno sviluppato…


Katia Verza

Annunci

Informazioni su sulleormedellupo

Mi dedico con passione ai Cani Lupi Cecoslovacchi, alla Educazione Cinofila, e a tutto il mondo del Quattro Zampe... Amo condividere le esperienze di vita con i nostri amici pelosi, con chi nè ha, o con chi ne vorrebbe avere... Il mio motto è: la conoscienza e il sapere non hanno età...
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI: EDUCAZIONE A 4 ZAMPE - COSE DA SAPERE, RIFLESSIONI....DI UN EDUCATORE CINOFILO. Contrassegna il permalink.