IL "CAN GRAM" OVVERO IL CANE CATTIVO

Anche questa volta avrei da segnalarvi un articolo interessante scritto da Ezio Maria Romano, anzi più che interessante RIFLESSIVO sui “Can Gram” i Cani Cattivi, o semplicemente i Cani Veri.

Quello scritto da Ezio non è solo un racconto malinconico che racconta del nostro passato, dei nostri nonni, delle fatiche del dopo guerra, ma purtroppo è anche malinconico perché noi viviamo in una società dove ci siamo dimenticati del passato del nostro cane, ma ancor peggio NOI CI SIAMO DIMENTICATI CHI E’ IL NOSTRO CANE.

Un cane costretto a vivere molto spesso tra 4 mura  e molto spesso con un padrone che lo obbliga a una regressione sociale, cercando di fargli passare la volontà di una possibile scalata gerarchica ….  questo purtroppo è quello che la cinofila odierna ci indica di fare.

Perché la cinofilia moderna si è dimenticata chi è il Cane?
Forse perché lo si vede solo come mezzo per far soldi?
Inventarsi assurde teorie da elargire a chi a tutti i costi vuole un cane.
Perché oggi la cinofilia regala soluzioni per ogni tipo di richiesta.
Arrivando persino a far credere a chi vive in piccoli o modesti appartamenti con una vita lavorativa intensa che anche loro possono avere un cane.
Non considerando l’idea che anche lui possa vivere stati di noia, ansia o distruttività.  
Arrivando persino a pensare che starà lì buono nella sua cuccia ad aspettarci.
Oppure illudere il malcapitato detentore con assurde ma costose teorie, che si possa recuperare un cane ansioso, distruttivo, iper attivo, che non  ne può più di vivere in un appartamento piccolo o modesto la solitudine, facendolo regredire a un pelusche vivo.
Scusatemi ma io con tutto questo non mi ci ritrovo …
Sicuramente molti di voi si sentiranno chiamati in causa.
Sicuramente molti di voi non saranno d’accordo con quello scritto …
Abbiate pazienza ma questo è il mio pensiero … ed è un pensiero triste …

Da 7 anni a questa parte ho incontrato molti cani, molti padroni, e ho sentito tantissime storie …
Anche io, come molti dei miei colleghi sono partita da basi che la cinofilia racconta da moltissimo tempo …
Ma con il tempo e l’esperienza mi trovo a fare un inversione di rotta … 
I cani sono davvero i nostri amici e forse lo sono ancor di più di quanto noi ci immaginiamo.
Siamo noi che sbagliamo.

Penso con vero rammarico a una mia cucciola, una vera femmina, con un carattere stupendo e con un attaccamento alla vita enorme, rilegata in casa con museruola per non mordere i mal capitati, che non sanno come gestirla e che non hanno capito il suo vero valore.

A volte basterebbe fermarsi un attimo, cercare di Capire se stessi e poi Capire il cane che ci sta al fianco, perché è nostra responsabilità dargli una vita dignitosa … ma non una vita fatta di cuccie morbide, cibi confezionati, collari con lustrini oppure capottini firmati per ripararli dal freddo invernale…

Il Cane ha bisogno di altro …

Cosa fare all’ora???
Basterebbe essere UMILI nel accettare i nostri Errori e con un po’ di buona volontà trovare anche se con molta fatica la strada per rimediare alla nostra Ignoranza.

A questo punto, per chi non ha già cliccato su un altra pagina vi consiglio caldamente di leggere l’articolo citato sopra, è un bel racconto che vale la pena di leggerlo… 
Per visionarlo cliccare sul link riportato in basso.

FOTO AUTORE: EZIO MARIA ROMANO



Katia Verza
Annunci

Informazioni su sulleormedellupo

Mi dedico con passione ai Cani Lupi Cecoslovacchi, alla Educazione Cinofila, e a tutto il mondo del Quattro Zampe... Amo condividere le esperienze di vita con i nostri amici pelosi, con chi nè ha, o con chi ne vorrebbe avere... Il mio motto è: la conoscienza e il sapere non hanno età...
Questa voce è stata pubblicata in NEWS DAL MONDO DELLA CINOFILIA, RIFLESSIONI....DI UN EDUCATORE CINOFILO. Contrassegna il permalink.

Una risposta a IL "CAN GRAM" OVVERO IL CANE CATTIVO

  1. Martina ha detto:

    Sante Parole! Mi fa piacere leggere che c'è ancora gente con un po' di sale in zucca, come si suol dire. Sperando di tramandare queste importanti conoscenze, ti abbraccio.

I commenti sono chiusi.